italiano english Aggiornato a Novembre 2018
>> Turismo
>> Last minute 18 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » Eventi » Sinalunga » Palio della Rivalsa


Il Palio della Rivalsa di Bettolle di Sinalunga

Il Palio della Rivalsa si svolge a Bettolle la seconda domenica del mese di giugno. Si tratta della rievocazione di un episodio avvenuto nel 1500 allorquando il duca Ascanio della Corgna, signore di Castiglione del Lago, si rese protagonista di una azione bellica contro il fortilizio di Bettolle in terra senese. Come riporta l'autore Alessandro Sozzini nel "Diario delle cose avvenute in Siena" ... il giorno 8 marzo 1553 Ascanio della Corgna passò il ponte a Valiano con trecento cavalli e duemila fanti e condusse vettovaglie salendo a Montepulciano; ed arrivata la fanteria al Poggio di Bettolle in Valdichiana, dove si eregeva il castello oltre 40 capanne per abitazione, vi attaccarono fuoco e bruciarono tutto; e poi con la cavalleria se ne tornarono al campo... Il palio ha quindi come tema quello di rievocare l'episodio per mezzo di un corteo storico con costumi del 1500 ed una successiva gara che viene vinta da quella contrada che per prima riesce a spegnere il fuoco posto in cima alla sagoma di un castello e che simboleggia l'incendio di Bettolle.

IL CORTEO STORICO E' composto da figuranti di ciascuna delle cinque contrade (MONTEMAGGIORE, LA CEPPA, IL CASATO, IL POGGIO, LE CASELLE) e dal carro della Pro-loco; tale corteo sfila per le vie cittadine secondo un ordine stabilito per sorteggio. Ogni contrada partecipa con i seguenti attori:

2 guardie di cui una a cavallo;
1 palafreniere;
1 signore di contrada;
1 dama di contrada;
1 alfiere che porta il gonfalone;
2 paggetti (un maschio ed una femmina di età compresa tra i 9 e i 13 anni);
2 sbandieratori;
1 tamburino;
4 concorrenti per la gara.

IL PALIO Il banditore prima dell'inizio della manifestazione legge le motivazioni del Palio, commenta il corteo storico, ed infine da il via alla gara con il lancio verso l'alto di una freccia infuocata (o con un colpo di fucile). Ogni Contrada mette in campo una propria "Squadra" composta da quattro elementi. I primi due elementi, obbligatoriamente di sesso diverso, sono i cosidetti "barellieri". Alla partenza del Palio, dalla piazza Principale, le cinque coppie di barellieri, hanno il compito di compiere due interi giri del Centro Storico del Paese, trasportando un'anfora di legno, in precario equilibrio su una barella. Al termine dei due giri, la prima coppia che giunge all'arrivo, posto sempre nella Piazza principale, da' l'avvio all'altra coppia di componenti della Squadra,i cosiddetti "scalatori" che hanno il compito di scalare un palo di legno, alto 5 metri, dal diametro di circa 30 centimetri e cosparso di grasso lungo la sua superficie. Chi riesce a spegnere per primo, un piccolo fuoco posto alla sommità del palo risulta essere il vincitore. Se nessuno delle coppie di scalatori, riesce entro un tempo massimo, a giungere alla sommità del palo, la vittoria viene assegnata alla Contrada, la cui coppia di barellieri è giunta per prima nella piazza. Compiere i due giri del Paese con un'anfora collocata sopra una barella richiede discrete doti di equilibrio, ma anche molta sintonia tra i due componenti: inoltre occorre anche una notevole prestanza e resistenza fisica. Ascendere un palo di 5 metri, cosparso di grasso, comporta enormi difficoltà, perchè la scalata non è favorita da nessuno appiglio: gli scalatori sono vestiti di una completa calzamaglia nera ed occorre molta forza, astuzia e pazienza per riuscire a compiere l'impresa. In ogni caso è un Palio, "da vedere" e vivire in ogni suo momento, perchè presenta imprevedibili ribaltamenti delle situazioni, continue incertezze sull'esito , mantenendo intatta la giusta dose di suspense fino in fondo. Infine, tutta la manifestazione è accompagnata dalla sentita partecipazione dei Contradaioli, che con i loro incitamenti, i loro simpatici cori e le loro derisioni o sfottò per le altre contrade, contribuiscono a creare il giusto clima di competizione, indispensabile in questi eventi.