italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Turismo
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Festival Orizzonti di Chiusi: l

Saranno gli Allievi del Laboratorio Teatrale dell’Istituzione Teatro Mascagni questa sera, domenica 6 agosto alle 21,15, a portare in scena al Chiostro di S. Francesco in Prima Assoluta, L’UBUADE di Alfred Jarry, guidati dal regista francese Luc Cognet. “E’ un lavoro di creazione sull’arbitrario ed il grottesco – racconta Manfredi Rutelli, direttore del Laboratorio, fautore del percorso didattico e di pratica attoriale che il Laboratorio Mascagni ha promosso fin dalla sua nascita - basato sulla ricerca e l’improvvisazione suscitata dallo studio di questo spassoso e folle testo, di cui, per altro, ricorre il 110° anniversario dalla sua invenzione."Ubu re" è stato letto come attacco alla borghesia, parodia dell'Edipo re di Sofocle, o di Amleth e di Macbeth di Shakespeare”. “Ubu roi – aggiungono i due assistenti registi francesi della Compagnia Promethèe, Zoé Porro e Samuel Mateu, che a Chiusi hanno ultimato l’allestimento dello spettacolo - è un’enorme farsa di collegio, di quelle che gli scolari organizzano per beffarsi dei grandi e del mondo che essi prendono sul serio. E perciò se essa comincia con un visibile intento di parodia del teatro eroico, presto si affranca da ogni soggezione a un punto di vista particolarmente parodistico e satirico, e procede per conto suo, cercando la sua gioia nelle situazioni più assurde più grottesche più inverosimili, per nient'altro che per la gioia di quelle situazioni pazzesche e delle freddure, delle scemenze d'ogni genere cui esse possono dar luogo. Proprio la sua demenzialità piacque al teatro dadaista e surrealista francese, e poi al teatro dell'assurdo post-1945. Un tipo di anarchismo che sa essere anche tenero”. I due assistenti di Luc Cognèt, si sono dichiarati entusiasti di questa esperienza italiana, la prima nella loro giovane ma promettente carriera, “e come se non bastasse – ha concluso Samuel Mateu – oltre ad un nuovo modo di lavorare abbiamo avuto l’opportunità, in questo gemellaggio Italo-francese, di poter soggiornare in uno dei luoghi più splendidi del vostro meraviglioso Paese”. Lo scambio di Cultura teatrale si concluderà il prossimo mercoledì 16 agosto, quando a salire sulla scena saranno gli attori della Compagnia francese Damazane, con la seconda Coproduzione Italo–Francese in Prima Assoluta OPER…A (B)BUFFET Liberamente tratto da Gargantua e Pantagruel di F. Rabelais per la Regia di Manfredi Rutelli, presidente dell’Istituzione teatrale Mascagni della Città di Chiusi. Entrambe le due produzioni saranno in tournèe nei due Paesi a partire dal prossimo autunno.


DALL'ARCHIVIO
di Valdichiana.it
5
L
L
E
150
1
6
52
L
2
E
55
L
8
L
L
Sar
1
6
3
6
Pi
Pi
47
L
E
47
L
"L
L

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521