italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Turismo
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Deroga urbanistica per il complesso ricreativo annesso allo stabilimento termale Sillene

Presentato in Consiglio Comunale il nuovo progetto del complesso termale ricreativo annesso allo stabilimento termale Sillene, dopo che la società Immobiliare Terme Chianciano SpA, che gestisce il patrimonio termale, ha chiesto una deroga urbanistica per poter realizzare un plesso rinnovato, ampliato e adeguato alle richieste della Società Terme di Chianciano Spa, che gestisce le strutture termali. I lavori ripartiranno a breve, dopo la pubblicazione del Bando che sarà curato in ogni dettaglio al fine di procedere con celerità e poter inaugurare il primo stralcio dei lavori del primo lotto entro giugno 2008. Il progetto illustrato in Consiglio Comunale prevede diverse modifiche rispetto al precedente approvato nel 2003, sempre dal Consiglio Comunale, ma interrotto nel 2005 per alcuni problemi insorti durante la realizzazione. 

Presente ad illustrare il nuovo progetto in Consiglio Comunale il presidente della Immobiliare Terme Chianciano SpA, dr. Fausto Norrito ed i tecnici incaricati che, oltre ad evidenziare i dati tecnici hanno sottolineato che “l’allungamento dei tempi è stato necessario per raccordare tutte le parti coinvolte nella realizzazione dell’opera: Regione Toscana, Comune di Chianciano Terme e FI.SE.S. (Finanziaria Senese Sviluppo). Nel progetto è stata coinvolta, ed ha partecipato, anche la società di gestione Terme di Chianciano SpA, presieduta dalla dr.ssa Anna Duchini.
«Il completamento delle piscine termali – ha affermato il sindaco arch. Guido Bombagli – è un obbligo contrattuale per la società Terme Immobiliare SpA». Il capogruppo di Rifondazione Comunista, Antonio Falcone, non ha partecipato alla votazione ribadendo la necessità anche di investire nel termalismo di cura. Su questo punto, Bombagli ha evidenziato il ritardo che grava sul comparto termale, la mancanza di decreti attuativi della Legge Quadro sul termalismo e gli sforzi condotti dall’ANCOT (Associazione Nazionale Comuni Termali) - presieduto dal Comune di Chianciano Terme - in quest’ottica, importante passaggio nel riconoscimento delle cure termali a livello terapeutico e di prevenzione ed ha precisato che chiederà una integrazione del Piano Integrato della Salute per inserire uno specifico progetto sulle cure termali. Il capogruppo di Forza Italia, dr. Augusto Rossi, ha sottolineato che il proprio gruppo è favorevole al nuovo progetto generale del complesso termale ricreativo purché sia realizzato senza altre sospensioni e con grande urgenza.

In sostanza questo il nuovo progetto del complesso termale ricreativo annesso allo stabilimento Sillene. Nel nuovo progetto, oltre a tener conto dei lavori già eseguiti, sono stati recuperati i volumi già realizzati, seppur con alcune modifiche sostanziali come la nuova posizione delle vasche, che da un affaccio verso valle ora si presentano in una posizione verso monte, la configurazione architettonica, le forme strutturali delle vasche e la scelta dei materiali per la realizzazione delle piscine termali. Una serie di elementi che sono stati ripensati in modo da creare una continuità con il progetto delle Terme Sensoriali, realizzato dall’architetto Paolo Bodega per la Società Terme di Chianciano SpA e per poter essere inserito adeguatamente all’interno del Piano Strutturale in fase di elaborazione da parte Comune di Chianciano Terme. Il nuovo progetto presenta un incremento della superficie destinata al complesso delle piscine termali (mq 12.000 contro mq 9.500 previsti previsti dall’art. 84 delle Norme Tecniche di attuazione del PRG) e della superficie coperta relativa agli edifici veri e propri (mq 3.000 contro mq 2.300 previsti dall’art. 84). Questo differenza, al fine di poter realizzare il nuovo complesso, ha comportato una deroga urbanistica.

Dati tecnici del plesso termale. Il progetto ha una superficie di copertura con recupero volumetrico già esistente costruito di 1900 mq. La superficie del piano vasche scoperte e coperte con percorsi d’acqua è di 950 mq. La superficie delle aree verdi è di 7450 mq. La superficie adibita a parcheggi visitatori è di 3100 mq. e la superficie per gli addetti è di 1800 mq. Il progetto sarà realizzato in quattro lotti. Il primo lotto è diviso in due stralci, di cui il primo per un valore di 3.255 milioni di Euro è quello che partirà a breve e prevede la realizzazione delle vasche interne ed esterne, il recupero locali già esistenti, nuovi spogliatoi, prolungamento e sistemazione dell’edificio del benessere, zona disimpegno e saune, sistemazione della hall dello Stabilimento Sillene dal quale si accederà alle piscine termali; il secondo stralcio riguarda opere di completamento comprese nel primo stralcio e la sistemazione delle aree. Il secondo lotto prevede la realizzazione di un’area bar/ristoro. Il terzo lotto la sistemazione degli spazi esterni. Il quarto lotto la realizzazione da parte dell’Amministrazione comunale di un raccordo stradale (opera già inserita nel programma comunale delle opere pubbliche). Le piscine termali, che hanno una temperatura dell’acqua di 39° sono state accuratamente studiate per permettere flussi delle acque diversificati. In acqua potranno essere ospitate 330 persone contemporaneamente e sono stati previsti abbattimenti delle cosidette barriere architettoniche sia per l’accesso alla struttura che per l’accesso alle vasche. La collocazione delle vasche ad un piano rialzato rispetto allo Stabilimento Sillene permette di avere un’ampia visuale che domina dalla collina verso i laghi di Chiusi e Trasimeno.

Intervista al presidente della Immobiliare Terme SpA, dr. Fausto Norrito. «Abbiamo avuto un allungamento dei tempi per permettere ai tecnici di progettare il plesso in più lotti, in modo da partire subito con la realizzazione delle vasche termali e poter completare l’intervento in più fasi senza compromettere la fruibilità e per poterlo inserire nel contesto del nuovo Piano Strutturale. Il primo stralcio sarà pronto, se tutto procede come programmato, entro giugno 2008. Ma la stessa Immobiliare, congiuntamente con il Comune di Chianciano Terme, si sono già attivati con la Regione Toscana per ottenere ulteriori finanziamenti e realizzare anche il secondo stralcio del primo lotto sempre entro il giugno 2008. Di grande rilevanza progettuale è il fatto che è stato progettato un sistema di gestione delle acque che permetterà l’utilizzo da parte della società Terme in base all’affluenza agli stabilimenti. Questo presentato in Comune è il progetto definitivo delle piscine termali. La prossima fase, dopo l’esecutività, è la pubblicazione del bando. Pensiamo di affidare i lavori entro 3/4 mesi, fermo restando che la ditta ha fino a 60 giorni per iniziare i lavori». 


DALL'ARCHIVIO
di Valdichiana.it
Pi
L

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521