italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Turismo
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Le poesie di Mario Luzi inaugurano la mostra del pittore Curio Ercolani

Curio Ercolani presenterà, in anteprima alle Terme di Chianciano (Sala Fellini – Parco
Acqua Santa) giovedì 2 ottobre (ore 17,30) alcune opere inedite realizzate per la mostra
che da tempo sta curando dal titolo “La forza del colore nella natura”.


La mostra sarà presentata dall’Assessore alle Culture della Provincia di Siena, Gianni
Resti e narrata, attraverso una selezione di poesie scelte da autori senisi e toscani, in
genere, dall’attore Renato Prezioso. A questa cornice si uniranno le melodie scelte dal
maestro di musica Francesca Meschini, che ripercorrerà “il tempo” con brani classici sino
alle avanguardie moderne. Una sorta di percorso, attraverso la storia musicale e la
storia della letteratura, in modo da ricollocare le opere di Ercolani in uno spazio
temporale indefinito, dove il tempo sembra essere sempre lo stesso, come fermo da sempre;
uno spazio-tempo nel quale sono calati gli alberi secolari di una delle piante più
tipiche della nostra terra: l’olivo. La mostra sarà allestita da Giulia Ivanov.


Tra i brani che saranno letti anche questo frammento scritto nel 1977 dal grande poeta
contemporaneo, Mario Luzi: «La terra senza dolcezza d’alberi, la terra arida / che rompe
sotto Siena il suo mareggiare morto / e incresta in lontananza / (inganno o verità,
miraggio o evidenza / insidia a lungo la mente / una tortura di dilemma) sperdute torri,
sperdute rocche / è un luogo non posseduto dal senso, una plaga diversa / che lascia
transitare i pensieri / però non li trattiene, non opera come ricordo, ma come ansia»
(frammento tratto da “Tracce o inganni – Al fuoco della controversia” da “Tutte le
poesie”).



 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521