italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Turismo
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Inaugurata la mostra



Dopo la mostra “Acqua degli Dei” con “Le Notti dell’Archeologia” inaugurata la
mostra “Giochi d’acqua” di Maddalena Arone e Giacomo Maria Cavina. Il segretario generale
dell’AMAT, Marcello Lotti: «I musei archeologici spesso messi in “ombra” dal
Rinascimento toscano»

Il Museo civico delle Acque di Chianciano Terme, dopo aver inaugurato lo scorso 31 maggio
un’importante mostre, “L’Acqua degli Dei”, dedicata alle acque nel mondo preromano - che
per la prima volta vede insieme reperti provenienti da vari musei archeologici italiani
(Ancona, Bologna, Città del Vaticano, Firenze, Grosseto, Milano, Orvieto, Perugia, Roma,
Siena, Volterra) – ha inaugurato (sabato 5 luglio) la mostra “Giochi d’Acqua” della
pittrice Maddalena Arone e dello scultore Giacomo Maria Cavina. «Le opere degli artisti
emiliani – ha affermato l’assessore alla cultura Gabriella Ferranti - calate
perfettamente nel contesto espositivo museale, si amalgamano, come un tutt’uno, dando
l’impressione della continuità artistica culturale dal mondo degli etruschi sino a
noi». «Non c’è dunque incompatibilità – ha detto Arone – tra arte moderna e mondo
antico». Le materie più diverse, dal bronzo al legno, dal marmo alla pietra sino alla
terracotta sono le “materie” che gli artisti utilizzano per modellare e fissare “figure”
senza tempo, cavalli e cavaliere, portatrici d’acqua e personaggi mitologici. La mostra
rimarrà al museo di Chianciano sino al 27 luglio per essere nuovamente allestita – con
temi diversi – al Museo della Preistoria di Cetona (Il fascino delle origini), al Museo
civico archeologico di Sarteano (Un viaggio verso i campi Elisei) e nell’area
Archeologica di Pitigliano a Grosseto (Necropoli etrusca di Poggio Buco “la divinazione e
la magia del fulmine”).


Non è la prima volta che il Museo Civico Archeologico delle Acque di Chianciano Terme
ospita al suo interno mostre di artisti contemporanei. Dopo l’apertura del ’96 del museo
già il pittore Curio Ercolani aveva esposto una personale che richiamava il contesto
paesaggistico culturale dell’area senese. «È importante – ha affermato il segretario
generale dell’AMAT (Associazione Musei Archeologici Toscani), Marcello Lotti – che i
musei archeologici non siano messi in ombra dal Rinascimento toscano. Iniziative come
questa contribuiscono a rendere i musei aree culturali anche di confronto tra presente e
passato, indispensabile per far conoscere sempre più il nostro immenso patrimonio».


Dopo l’inaugurazione della mostra di Arone e Cavina il museo è rimasto aperto al pubblico
per “Le notti dell’Archeologia” con degustazioni di prodotti tipici locali offerti da
numerose aziende di Chianciano. Il numeroso pubblico ha potuto degustare, tra gli altri,
la “nuova” acqua “Marzia” di Sant’Elena, i vini delle cantine Avignonesi e Buracchi,
formaggi, salumi, dolci tipici “Pasticceria Marabissi”, amari “Santoni”. L’evento è stato
realizzato grazie anche alla Coop Centro Italia e alla Banca del Credito Cooperativo di
Chianciano Terme.



 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521