italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Turismo
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Lo Scalo di Chiusi diventa Centro Commerciale Naturale

Nasce il Centro Commerciale Naturale a Chiusi Scalo, ufficialmente istituito con una
delibera della giunta comunale. L’area interessata si estende in tutto il centro urbano,
nella zona compresa tra via Oslavia, la stazione ferroviaria, l’incrocio con via Mazzini
e il Mar Nero.


Un triangolo immaginario che racchiude un centinaio di attività commerciali, oltre ad
uffici e studi professionali. Il secondo in provincia di Siena per estensione
territoriale e numero di attività.


“Si tratta di un’aggregazione spontanea di negozi – spiega l’assessore Stefano
Scaramelli – che dovranno crescere ulteriormente, in collaborazione con soggetti pubblici
e associazioni per esercitare una sempre più forte capacità attrattiva a vantaggio della
piccola distribuzione”.


E proprio con questo scopo è stato formato il Comitato Comunale per il Commercio del
quale fanno parte amministrazione comunale, Banca Valdichiana, Confesercenti,
Confcommercio e associazione “Chiusi in vetrina”. Un pool di soggetti, dunque, uniti
dall’obiettivo di promuovere lo Scalo unendo sinergie e risorse, e promuovendo
iniziative, eventi e manifestazioni in grado di richiamare sia turisti sia residenti nel
territorio circostante.


Dal Patto per lo sviluppo stipulato negli anni 2003 e 2004 al Comitato e al Centro
Commerciale Naturale: un percorso già avviato che ora compie un altro importante passo in
avanti. “C’è soddisfazione per il concretizzarsi di un impegno già avviato negli anni
scorsi – commenta il presidente di Banca Valdichiana, Omero Pagliai – In primo piano ci
sono le esigenze del commercio, ma non bisogna dimenticare la necessità di rivitalizzare
ogni aspetto di Chiusi Scalo, compresa la vocazione residenziale, le attività
professionali e la stazione ferroviaria che ha un ruolo fondamentale per lo sviluppo
economico di un territorio ampio”. Il direttore dell’istituto bancario, Fulvio Benicchi
aggiunge: “E’ un risultato sorprendente e significativo la condivisione di intenti tra
soggetti pubblici e privati uniti dall’obiettivo di superare questo momento di difficoltà
che colpisce soprattutto le attività di vendita al dettaglio”. Un’opinione condivisa
anche da Antonio Velluzzi, per la Confcommercio, e da Maria Gliatta (Associazione di Via)
che sottolineano il “forte spirito di collaborazione tra commercianti e amministrazione
comunale indispensabile in questa fase di trasformazione per il commercio”. Mentre il
responsabile di zona della Confesercenti, Attilio Rapicetta precisa: “A differenza di
altre realtà territoriali, a Chiusi il Centro Commerciale nasce non come un progetto da
avviare bensì come il prodotto di un impegno già messo in atto negli anni passati e che
tra i risultati principali ha contribuito a creare uno spirito di fiducia tra i
commercianti, tanto più significativo in questa fase di criticità per l’intera economia
nazionale”.


Tre le iniziative già collaudate, la Fiera alla Stazione che si svolge il 2 giugno e la
prima domenica di dicembre, al calendario del Natale Speciale, alle feste patronali e
delle contrade. Ma non solo. In quest’ottica si inseriscono anche le agevolazioni
finanziarie approvate dal Comune a favore del commercio e la convenzione stipulata con la
Banca Valdichiana per la concessione di mutui a tasso agevolato. E quest’anno il Comune
ha stanziato quasi 100 mila euro per la promozione del commercio e delle attività
produttive.


Infine, un altro dato relativo al commercio che si contraddistingue con il segno positivo
sono i contributi in conto interesse erogati dall’amministrazione comunale per
ristrutturazioni, nuove aperture ed interventi edili: dal 2002 al 2004 è stato registrato
un aumento del 40% con un’ulteriore crescita quest’anno. I risultati sono visibili grazie
alla ristrutturazione di immobili, nuove facciate, centri urbani più curati, una generale
valorizzazione del patrimonio edilizio.

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521