italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Turismo
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Turismo, segnali motivanti per i piccoli centri

Il turismo italiano continuerà a vivere momenti di difficoltà, ma i centri più piccoli e
“veri” dovrebbero riuscire ad attutire bene il colpo. E’ questa una delle indicazioni
emerse ieri in Palazzo comunale a Sarteano, sede del convegno “Commercio & turismo – le
risorse principali di un territorio” organizzato da Assoturismo Confesercenti. Proprio la
responsabile provinciale dell’associazione rappresentativa di settore, Sonia Pallai - ha
fatto il quadro delle più recenti indagini previsionali sul mercato turistico nazionale e
locale, evidenziando in particolare indicazioni come quella del Touring club Italiano che
prevedono un interesse crescente per le destinazioni culturali. “I centri che esprimono
più autenticità agli occhi del visitatore, e più capacità di mantenere viva l’identità
particolare – ha affermato Pallai – sono loro che rappresentano le cosiddette ‘mille
italie’ e che potranno contrastare meglio la competititivà delle mete estere”.



Un profilo questo che potenzialmente ben si adatta anche su Sarteano secondo il sindaco
Fabio Dionori (“il Beccafumi, la tomba della Quadriga sono solo alcune delle risorse a
disposizione” ha detto) e che dev’essere adattato come fattore di motivazione anche
secondo gli operatori del settore, intervenuti in buon numero al convegno: “cerchiamo di
vivere in modo naturale Sarteano per il piacere di noi stessi, prima ancora che per quello
dei turisti – è stato detto ad esempio dalla platea – i flussi di presenze non potranno
che beneficiarne”. Alla richiesta di una maggiore progettualità condivisa tra Pubblico e
privato ha risposto l’Assessore provinciale al Turismo Silvana Biasutti, ribadendo ampia
disponibilità. Banco di prova concreto, anche per la cittadina termale potrà essere la
concretizzazione del Centro commerciale naturale, i cui dettagli sono stati ampiamente
illustrati per l’occasione, e che ora attende uno “slancio di partecipazione” come
evidenziato dal Presidente provinciale di Confesercenti, Fosco Tornani.

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521