italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Turismo
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Il Comitato della Petizione Popolare convoca una assemblea pubblica

Hanno confermato la loro presenza, per l’incontro pubblico sul tema dei servizi sociali
indispensabili nella cittadina termale, promosso dal Comitato della Petizione Popolare
(sottoscritta nel 2001 da 5000 cittadini di Chianciano Terme), i tre candidati a sindaco
per le amministrative di giugno prossimo a Chianciano: Guido Bombagli, (listadi Centro
Sinistra “Uniti per Chianciano Terme), Antonio Falcone (listadi Rifondazione Comunista) e
Athos Poggiani (lista Casa delle Libertà). Durante l’incontro pubblico, che si svolgerà
giovedì 27 maggio alle ore 16,30 presso la Sala Polivalente di Chianciano Terme (giardini
pubblici),


Il Comitato della Petizione Polare intende chiedere ai tre candidati a sindaco di
Chianciano Terme quali sono le loro posizioni e i loro programmi sulle questioni
sanitarie ed in particolare cosa intendono fare con la struttura dell’ex Ospedale Croce
Verde (ad oggi la destinazione d’uso dell’immobile non è stata decisa. Il Comitato
rivendica, per la comunità chiancianese per l’attivazione nel centro termale dei servizi
sanitari indispensabili, una porzione di fabbricato circa la metà della superficie
totale – ovvero 3700 mq. (su un totale di 7543 mq.) - in modo da attivare nuovamente a
Chianciano Terme, dopo il trasferimento di tutti i reparti all’Ospedale centralizzato di
Nottola a Montepulciano, proponendo la distribuzione dell’area con l’apertura di un
centro sanitario, servizi tecnici per la sede dell’Associazione Croce Verde, un Centro
Diurno per i servizi di emergenza-urgenza, un poliambulatorio, l’attivazione di
un “Ospedale di Emergenza” con 18 posti letti, e alcuni posti letti (6) da adibire a
residenza sanitaria assistita o in lungodegenza per patologie croniche e oncologiche.


Il Comitato della Petizione Popolare ha deciso di riaprire una sorta di dialogo
anticipato con i prossimi amministratori comunali nella convinzione di poter
sensibilizzarli al fine di ottenere un segnale positivo per l’attivazione a Chianciano
Terme dei servizi sanitari essenziali. Il Comitato si era più volte confrontato con
l’amministrazione comunale uscente, guidata da David Bolici, senza tuttavia ottenere un
seguito alle richieste sottoscritte da ben 5000 cittadini (il 90% della popolazione
adulta della cittadina termale, nel 2001). Tra le proposte che il Comitato aveva portato
avanti con la Petizione vi era anche quella diattivare un centro di zona per malati di
Alzheimer e l’eventuale sede di zona dell’ADO (Assistenza Domiciliare Oncologica).

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521