italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Turismo
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Coloriamo i cieli 2004

Hanno preso il via, a Castiglione del Lago, le differenti attività collaterali legate
alla manifestazione aquilonistica Coloriamo i cieli, organizzata dall’Amministrazione
Comunale e giunta alla 13° edizione.


Nelle sale di Palazzo della Corgna sono ospitate due importanti mostre particolarmente
attinenti il tema del territorio lacustre e degli aquiloni.


La mostra fotografica “Caro Lago…” dedicata al Trasimeno e a Castiglione del Lago copre
il periodo che va dal 1892 al 1963 ed è suddivisa in quattro sezioni che, oltre ad
offrire un visione dei luoghi, presenta al visitatore uno spaccato dei costumi e della
vita locale. Il percorso inizia con alcune vedute panoramiche del lago, di Castiglione
del Lago, della Rocca, per proseguire poi sulle spiagge che costeggiano il promontorio.
Se agli inizi del secolo il lago era vissuto principalmente come risorsa economica
attraverso la pesca, e solo per brevi momenti come strumento di svago, per una gita
domenicale, per una foto ricordo da portare con sé nella lontananza della guerra, con il
passare degli anni il lago diventa luogo di vacanza e di incontro, dapprima per i
residenti poi, piano piano, per visitatori e turisti provenienti da differenti località
sia italiane che estere. Nelle sezioni successive sono proposte immagini delle prime
cooperative di pescatori e copie dei permessi di pesca rilasciati agli inizi del secolo,
oltre ad immagini concernenti l’importante mercato bovino che si teneva nella piazza del
Rondò, evidenziando così gli aspetti dominanti dell’economia locale, pesca ed
agricoltura.


Fra le curiosità della mostra è particolarmente interessante la visione di un filmato
realizzato da Ugo Gregoretti a metà degli anni ’50 che ci mostra il lago e le sue
problematiche non troppo dissimili da quelle odierne. In codesto filmato ritorna il tema
del prosciugamento come possibile soluzione ai problemi che ciclicamente affliggono il
territorio. Fortunatamente, spiriti illuminati ebbero la meglio su siffatte proposte e
oggi possiamo ancora fruire di un patrimonio d’inestimabile valore.


Nella Sala degli Dei l’attenzione si posa sugli aquiloni di Medio Calderoni, l’artista
ravennate soprannominato “il poeta delle comete”. E come scie di stelle sono i colori
delle sue creazioni, realizzate soprattutto con materiali naturali di recupero,
rigettando tutto ciò che è tecnologico, fibre di carbonio, nylon e quant’altro.


Naturalmente l’attesa è ormai concentrata sull’evento che, dal 29 aprile al 2 maggio,
vedrà impegnati, sull’area dell’aeroporto Eleuteri, centinaia di aquilonisti provenienti
da tutte le regioni italiane e da numerosi paesi europei ed extra europei. Non perde mai
fascino l’aquilone che si libra nel cielo e ammirare il volo di centinaia di aquiloni dai
mille colori e dalle mille forme è uno spettacolo che emoziona, eccita i più piccoli e
riporta gli adulti ad una dimensione in cui tornano a convivere poesia e libertà.

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521