italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Turismo
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » A CORTONA LA 15

Si entra nel vivo della 15°edizione del Premio
Internazionale Fair Play Mecenate che per il sesto anno consecutivo sarà ospitato
a Cortona. Nella giornata di oggi (lunedì 11 luglio) sono arrivati alcuni campioni
sportivi che fanno parte della rosa dei premiati della manifestazione di quest’anno
oltre ad alcuni membri della giuria tecnica. Si tratta di Hadas Golan e Orel Talbi
pallavoliste della rappresentativa Israeliana, insieme alle colleghe palestinesi
Shamiran E.H.Lousi, Marlens S.G.Albandak e Mairna S.J. Aljamal. Le atlete
saranno insignite del riconoscimento “Fair Play per la Pace” insieme alla
Rappresentativa italiana per aver partecipato il 24 aprile 2010 al Peacevolley in Terra
Santa (un triangolare di pallavolo, vinto dalle giovani azzurre, disputato all’ombra
del muro che divide i due popoli, proprio ad un passo dal check point fra Betlemme
e Gerusalemme, dove da 8 anni il Centro Sportivo Italiano promuove la Maratona
della Pace, collegando attraverso gesti sportivi i luoghi della nascita e della morte
di Cristo). In serata arriverà anche dell' ex pallavolista cubana Yumilka Ruiz oggi
anche membro del Comitato Olimpico Internazionale dal CIO nella 120a sessione che
sarà premiata nella categoria “Personaggio Mito”.
Gli altri campioni arriveranno nella giornata di domani martedì 12 luglio (si tratta di
Alessandro Fei, Maurizio Zanolla, i rappresentanti della società Canottieri Limite,
Fabrizio Macchi, rappresentanti della Fondazione Stefano Borgonovo) e mercoledì
13 luglio (Alfredo Martini, Francesco Moser, Carlton Myers, Riccardo Patrese, le
atlete della nazionale Ginnastica ritmica, Giancarlo Abete, Roberto Cammarelle,
Christof Innerhofer, Giuliano Razzoli e rappresentanti di Rai Sport) e saranno
tutti ospitati in location di assoluto prestigio e fascino nel cuore del centro storico
cortonese e nella splendida campagna della valdichiana.

Intanto piazza della Repubblica si sta vestendo a festa per accogliere la serata di
premiazione che si terrà mercoledì 13 luglio alle 21,00. Ad abbellire la già bellissima
scalinata del palazzo comunale in cui sfileranno i 20 premiati ci penserà quest'anno
l'azienda Vivai Fabbri di San Zeno (Arezzo) leader nel settore della progettazione e
realizzazione di aree verdi da ben 15 anni.
“Sarà un allestimento estremamente particolare con esemplari molto grandi e
coreografici – spiega Saimo Iebba direttore commerciale dei Vivai Fabbri. Il nostro
architetto paesaggista Francesco Gazzabin ha studiato un giardino rustico con varietà
erbacee ornamentali autoctone che oggi sono quasi scomparse dal nostro territorio a
causa dell'avvento dei diserbanti”.

Gli ospiti del Premio Interazionale Fair Play Mecenate dopo una breve visita alla
città di Cortona sono stati accompagnati per un aperitivo all'Outlet Village di Foiano
della Chiana ed hanno cenato presso la Locanda del Molino in località Montanare
di Cortona. Domani (martedì 12 luglio) faranno tappa nella vicina Chiusi dove
Banca Valdichiana, importante sponsor del Premio Internazionale Fair Play, ha
previsto un ricco pomeriggio di visita ai principali siti etruschi della località senese.
Mercoledì 13 luglio la giornata comincerà alle 10 con una conferenza stampa in
compagnia di tutti i premiati che sarà anche l'occasione per presentare i prossimi
grandi appuntamenti olimpionici di Londra 2012 e Rio 2016. Grazie all'importante
collaborazione con Confagricoltura i campioni saranno poi ospitati per i ricevimenti
ufficiali in due prestigiose strutture del territorio. Si tratta di Villa Loggio e del
pluristellato Relais Il Falconiere. Alle 21 il gran finale il Piazza della Repubblica a
Cortona con la consegna del Premio Internazionale Fair Play 2011. Ai campioni sarà
consegnata una targa rappresentante la figura di Mecenate ed il simbolo del fair play
(la stretta di mano). Inoltre sarà assegnata ai premiati la qualifica di "ambasciatore
fair play" con un Diploma e Motivazione, nonché la spilla Fair Play realizzata
dalla Bottega del Gioiello Del Brenna di Cortona artigiani orafi da tre generazioni.
La serata, condotta da Andrea Fusco e Monica Rossi Poggesi sarà poi trasmessa
giovedì 14 luglio a partire dalle 20,30 su Raisport satellite.

I premiati 2011

• Alessandro Fei (categoria “Fair Play”)
Pallavolista italiano. Opposto della Sisley Treviso e della Nazionale Italiana è considerato tra
i migliori schiacciatori del mondo. Vanta 285 presenze in nazionale, con la quale ha vinto un
Campionato del mondo e due campionati europei, oltre che a una grande serie di premi minori. Ha
fatto parte della delegazione azzurra alle Olimpiadi di Pechino 2008.

• Riccardo Patrese (categoria “Sport e Solidarietà”)
Ex pilota utomobilistico italiano. Nel 1977 ha debuttato in Formula 1 con la scuderia Shadow. Nel
corso della sua carriera è riuscito a vincere sei gare, inoltre è stato a lungo il pilota con il maggior
numero di presenze nelle gare di Formula 1: nella sua carriera ha disputato 256 Gran Premi, che
hanno rappresentato il record di partecipazioni fino alla stagione 2008, quando il suo primato è stato
battuto da Rubens Barrichello al Gran Premio di Spagna dello stesso anno.

• Roberto Cammarelle (categoria “Promozione dello Sport”)
Pugile italiano noto per aver conquistato la medaglia d'oro, nella categoria pesi supermassimi, ai
Giochi del Mediterraneo di Almeria 2005 e di Pescara 2009, ai Campioni Mondiali di Chicago 2007
e Milano 2009, alle Olimpiadi di Pechino 2008. Fa parte del Gruppo Sportivo FIAMME ORO.

• Maurizio Zanolla (categoria “Sport e Ambiente)
Arrampicatore e guida alpina italiano. Manolo è considerato uno dei pionieri dell' arrampicata
libera in Italia ed è uno dei volti più conosciuti di questo sport a livello mondiale. È stato il primo
in Italia a salire l'8b con Ultimo Movimento in Totoga nel 1986. Ha praticato l'arrampicata in
solitaria free solo fino all'8a con Masala Dosa in Totoga nel 1992. Non ha mai voluto partecipare
alle competizioni di arrampicata. Schivo, Manolo vive la sua passione per l'arrampicata in maniera
personale, filosofica e romantica. È soprannominato Il Mago.

• Francesco Moser (categoria “Carriera nel Fair Play”)
Ex ciclista su strada e pistard italiano. Professionista dal 1973 al 1988, con 273 vittorie su strada
da professionista precede Beppe Saronni(193) e Mario Cipollini (189) e risulta a tutt'oggi il ciclista
italiano con il maggior numero di successi. È inoltre terzo assoluto a livello mondiale. Molti, anche
se meno noti, sono stati i suoi successi su pista, tra cui il campionato mondiale di inseguimento nel
1976 e quello italiano (stessa specialità), vinto cinque volte, oltre a quindici affermazioni nelle Sei
giorni. È costruttore delle biciclette che portano il suo nome.

• Alfredo Martini (categoria “Una vita per lo sport”)
Ex ciclista su strada e oggi Presidente Onorario della Federazione Ciclistica Italiana. Tante le sue
prodezze sportive e importanti i suoi successi da commissario tecnico della nazionale (dal 1975 al
1997 ha condotto a conquistare la maglia iridata Francesco Moser nel 1977, Giuseppe Saronni nel
1982, Moreno Argentin nel 1986, Maurizio Fondriest nel 1988, Gianni Bugno nel 1991 e nel 1992.

• Christof Innerhofer (categoria “Simpatia”)
Una vita dedicata allo sci e che gli ha regalato grandi soddisfazioni. Le ultime proprio ai Mondiali
2011 di Garmisch Partenkirchen dove ha scritto un nuovo capitolo della storia dello sci italiano
vincendo tre medaglie: l'oro del super-g, un bronzo nella discesa e l'argento nella supercombinata.

• Giuliano Razzoli (categoria “Simpatia”)
Sciatore alpino italiano specialista dello slalom speciale nel quale è campione olimpico in carica.
Nell'ambiente del Circo bianco è soprannominato "Razzo”. Il 6 gennaio 2009 ha conquistato
a Zagabria il primo podio in carriera, un terzo posto nello slalom. Nel 2010 ha ottenuto nella
medesima località la prima vittoria in carriera. Il 27 febbraio successivo si è laureato campione a
Vancouver 2010 in slalom. Con questo risultato l'alloro di campione olimpico in slalom è tornato in
Italia ventidue anni dopo l'oro di Alberto Tomba a Calgary 1988; inoltre ha messo fine al digiuno
del settore maschile della nazionale azzurra nella rassegna a cinque cerchi.

• Fabrizio Macchi (categoria “Lo sport oltre lo sport”)
Colpito da piccolo da un tumore osseo, dopo diciassette interventi e tanti cicli di chemioterapia
perse la gamba sinistra. Ma la sua grande forza d'animo gli ha permesso di non mollare e grazie allo
sport e all'amore della sua famiglia ha potuto trovare sempre nuovi stimoli. Nel 1991 partecipò alla
Maratona di New York, mentre tra il 1993 e il 1995 vinse tre campionati italiani nel salto in alto e
altrettanti nel salto in lungo. Nel 1996 fu apripista di Alberto Tomba ai campionati del mondo del
Sestriere e l'anno successivo vinse la medaglia di bronzo ai campionati del mondo di canottaggio.
Passato al ciclismo, e attivo sia su pista che su strada, ha vinto un campionato italiano in linea e tre
a cronometro, mentre nel 2009 e 2010 ha vinto il titolo mondiale a cronometro. Nel 2011 conquista
l'argento nell'inseguimento. Ha partecipato ai giochi Paraolimpici nel 2000 a Sidney, nel 2004 ad
Atene in cui vinse la medaglia di bronzo nell'inseguimento LC 3 e nel 2008 a Pechino.

• Yumilka Ruiz (categoria “Personaggio Mito”)
Ex giocatrice di pallavolo che ha rappresentato il suo paese in quattro consecutive Olimpiadi, a
partire dal 1996. Ha vinto due volte la medaglia d'oro con la squadra nazionale nel 1996 e nel 2000;
ha inoltre sostenuto il bronzo ai Giochi Olimpici estivi 2004 di Atene. Nell'agosto 2008 è stata
eletta membro del Comitato Olimpico Internazionale dal CIO nella 120a sessione.

• Carlos Arthur Nuzman (Premio speciale “Primo Nebiolo”)
Avvocato brasiliano ed ex giocatore di pallavolo. Ha fatto parte della prima squadra brasiliana
di pallavolo maschile ai Giochi della Olimpiadi del 1964. E 'stato presidente della Confederação
Brasileira de Voleibol (CBV) per venti anni (1975-1995). Dal 1995 è il presidente del Comite
Olimpico Brasileiro e membro del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e la Pan American
Sports Organisation (PASO). Nuzman è stato il leader del successo dell'offerta di Rio de Janeiro per
le Olimpiadi 2016 del cui Comitato Organizzatore è il Presidente. Membro C.I.O.

• Nazionale di Ginnastica Ritmica (categoria “Promozione dello Sport”)
E' uno dei fiori all’occhiello della Federazione Ginnastica d’Italia, presieduta dal prof. Riccardo
Agabio, Vice Presidente Vicario del CONI. Le Farfalle d’argento – ribattezzate così dopo lo
storico secondo posto ai giochi Olimpici di Atene 2004 - hanno continuato a scalare il ranking
internazionale, ponendosi come l’unica vera alternativa allo strapotere agonistico delle compagini
dell’Est Europeo. Dopo la delusione per il 4° posto alle Olimpiadi di Pechino 2008, le azzurre
allenate da Emanuela Maccarani hanno iniziato il ciclo che porta a Londra 2012 vincendo i primi
due Mondiali del nuovo quadriennio. Il team composto dalle atlete dell’Aeronautica Militare
Elisa Santoni (capitana), Elisa Blanchi, Angelica Savrayuk e Daniela Masseroni, nonché da Giulia
Galtarossa (Ardor Padova) e Romina Laurito (Virtus Gallarate) – entrambe in procinto di essere
arruolate, insieme alle altre, nel Gruppo Sportivo A.M. di Vigna di Valle – ha conquistato il titolo
iridato sia ai Campionati del Mondo di Miè 2009 in Giappone, sia a Mosca 2010, proprio in casa
delle campionesse olimpiche e storiche rivali della Russia.

Le nuove categorie

Nuove categorie in concorso e dunque nuovi premi speciali quest'anno che vanno a:

• UEFA (categoria “Fair Play Finanziario”), rappresentata dal Vice Presidente
Giancarlo Abete
L’ UEFA ha rimarcato l’importanza del concetto di Fair Play Finanziario al fine di garantire
stabilità a lungo termine al calcio a livello di club, oltre che aiutare i club a liberarsi dalla spirale
di costi che li ha trascinati nelle recenti difficoltà economiche. Le misure sono state concepite per
tutelare la salute e la fattibilità a lungo termine del calcio europeo, nonché l’integrità e il regolare
svolgimento delle competizioni, oltre che per stimolare investimenti a lungo termine in settori
quali lo sviluppo dei settori giovanili e l’ammodernamento delle infrastrutture. I club non potranno
spendere più di quanto guadagnano. I club saranno valutati inoltre su una base di rischio, che tiene
conto del livello di debiti e salari. A partire dalla prossima estate, i club dovranno anche assicurare
il pagamento puntuale dei loro debiti calcistici.

• Fondazione Stefano Borgonovo (categoria “Fair Play e Salute”)
Importante onlus che sostiene i malati di sclerosi laterale amiotrofica (SLA). Il famoso calciatore
italiano (protagonista nel Como, nella Fiorentina, nel Milan, con il quale ha vinto una Coppa dei
Campioni, una Coppa Intercontinentale e una Supercoppa Europea e successivamente nell'Udinese,
Pescara e Brescia) ha dato vita alla Fondazione insieme alla moglie Chantal dopo aver scoperto di

essere affetto da questa difficile malattia degenerativa.
Oggi la sua attività è volta a sostenere la ricerca per vincere la Sla, ma anche nell'aiuto quotidiano
per l'assistenza domiciliare ed ospedaliera a favore dei malati di sclerosi laterale amiotrofica nonché
per il sostegno anche psicologico dei loro familiari.

• Carlton Myers (categoria “Lotta al Razzismo”)
Carlton Ettore Francesco Myers è un ex cestista italiano in carriera ha vinto un Campionato
Europeo con la nazionale italiana uno Scudetto, una Coppa Italia ed una Supercoppa Italiana con
la Fortitudo Bologna. Ai Giochi della XXVII Olimpiade è stato il portabandiera dell'Italia. Myers
debutta in A2 a 17 anni, con la maglia della Marr Rimini. Negli anni '90 Myers fu un pilastro della
nazionale di cui divenne anche capitano. Il 26 gennaio 1995 Myers segnò, contro Udine, il record di
punti per il campionato professionistico italiano: 87. Nel 1995 avvenne la svolta della carriera con
il passaggio alla Fortitudo Bologna, squadra di cui diventò capitano, simbolo e idolo della tifoseria.
Lasciata la Fortitudo, giocò nella Virtus Roma, nella Montepaschi Siena e poi nel Valladolid in
Spagna e ancora a Pesaro trascinando la squadra dalla B1 alla serie A in 2 anni. Nella stagione
2007-2008 ha superato quota 11.000 punti realizzati in Serie A.

• Rappresentative di Volley femminile di Italia-Israele-Palestina (Categoria “Fair
Play per la Pace”)
Le rappresentative di Israele, Palestina ed Italia hanno partecipato il 24 aprile 2010 al Peace Volley
in Terra Santa. Si è trattato di un triangolare di pallavolo, vinto dalle giovani azzurre, disputato
all’ombra del muro che divide i due popoli, proprio ad un passo dal check point fra Betlemme
e Gerusalemme, dove da 8 anni il Centro Sportivo Italiano promuove la Maratona della Pace,
collegando attraverso gesti sportivi i luoghi della nascita e della morte di Cristo.

• Società Canottieri Limite 1861 (Premio Speciale “150 anni dell'Unità d'Italia”)
La Canottieri Limite è la società di canottaggio più antica d’Italia . Nasce infatti nel 1861 nel
seno del cantiere navale Picchiotti per opera di un gruppo di operai e del titolare Picchiotti che
decisero di costituire una associazione e di intraprendere l’avventura sportiva. Nel Cantiere
Picchiotti venivano costruite anche leggere e veloci imbarcazioni tipo Yole che venivano esportate
in Inghilterra. Seguendo l’esempio dai maestri Inglesi, i Limitesi iniziarono così la pratica del
canottaggio e un storia che avrebbe avuto un percorso di 150 anni . Negli ultimi anni sono ritornati
anche i successi agonistici con molti titoli italiani. Nel 2004 sono iniziati i lavori alla nuova sede in
località Mollaia. Il locale denominato “Centro agonistico Del Gratta”, in onore della famiglia che ha
donato il terreno, è stato inaugurato il 24 Maggio.

• Rai Sport (categoria “Narrare le Emozioni”)
La Rai ha detto basta alla moviola, mentre si discute sulla possibilità di inserire le immagini al
rallentatore a bordo campo per aiutare le decisioni degli arbitri, i vertici del servizio pubblico
radiotelevisivo hanno deciso di togliere le ripetizioni dei casi arbitrali dai programmi sportivi.
Una decisione per dire basta alle polemiche che riempiono le 'Domeniche Sportive'. Durante le
trasmissioni saranno riproposti solo i tre o quattro episodi più importanti di giornata senza dibattito,
una scelta che sicuramente farà piacere alla classe arbitrale. Dopo 43 anni così la Tv di Stato ha
deciso di spegnere la moviola.

Per ulteriori informazioni, richiesta accrediti, foto:
UFFICIO STAMPA:
Laura Lucente Mobile 347 8749568; laura.lucente@libero.it
Felice Alborghetti Mobile 328 0112224; felice.alborghetti@inwind.it


 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521