italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Turismo
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Palio dei somari 2004

Tra otto giorni,
domenica 21 marzo, sull’anello di tufo realizzato sul Campo di Gara, le otto contrade
torritesi (Porta a Pago, Porta a Sole, Porta Nova, Refenero, Stazione, Porta Gavina, Le
Fonti e Cavone) si contenderanno il panno dipinto da Piero Paoli cercando di ottenere la
migliore prestazione possibile dai somari che la sorte avrà assegnato loro.


Ma prima di giungere al fatidico momento della corsa, il programma dell’intera settima di
vigilia è intensissimo e ricco di iniziative e manifestazioni che, come di consueto,
vedranno coinvolta l’intera cittadinanza.


E già il “copione” della prima giornata di festeggiamenti vede le contrade protagoniste
di primo piano. Oggi, alle 17.30, nel Teatro degli Oscuri, infatti, avverrà il sorteggio
delle quattro batterie eliminatorie che designeranno le prime, sicure finaliste del
Palio.


Alla presenza del Sindaco Paolo Pieranni e del Presidente della Ass.ne Sagra di
S.Giuseppe, Avisiano Pellegrini, i presidenti degli otto rioni, in costume medievale ed
accompagnati da un armato, estrarranno dall’urna i bussolotti, determinando gli
abbinamenti. La cerimonia è molto sentita perché rappresenta il primo atto ufficiale
della competizione e abitualmente da il via alla ridda delle ipotesi e dei pronostici.


Ma nel programma di oggi c’è anche, alle 16.00, l’inaugurazione della mostra fotografica
dedicata al palio e, alle 19.30, l’apertura delle taverne che, situate nei punti chiave
del centro storico torritese, proporranno le squisite specialità della
gastronomia “chianina” accompagnate da ottimi vini e da un clima di grande allegria.


Mentre per tutta la giornata rimarrà aperto il mercatino “Artisti nei borghi” (che si
replica anche domani) alle 22.00, nella centralissima Piazza del Comune, sarà
rappresentato uno spettacolo di falconeria. Sabina e Patrizio, due “falconieri” per
passione, ormai resi popolari dai numerosi passaggi televisivi, faranno esibire i loro
affascinanti rapaci in volo libero creando, grazie anche alla notturna, uno spettacolo di
grande suggestione.


Il programma di domani (domenica 14 marzo) si aprirà invece alle 15.00 al “Gioco del
Pallone”, lo spazio antistante le mura medioevali del centro storico che, per le sue
dimensioni, sembra fatto apposta per accogliere sia i funamboli delle bandiere e dei
tamburi sia il pubblico.

Giunta alla terza edizione, la Festa della Bandiera si propone come una rassegna dei
gruppi più prestigiosi attualmente in circolazione.


Così quest’anno, insieme – naturalmente – al gruppo degli sbandieratori di Torrita,
guidato dal neo-presidente Stefano Peruzzi, si esibiranno i Cavalieri di Suvereto, il
Gruppi Storico Sbandieratori “Il Cassero” di Castiglion Fiorentino, il gruppo
degli “Sbandieratori dei Borghi e Sestieri Fiorentini” di Figline Valdarno ed i Musici
della Città di Arezzo.


I Cavalieri di Suvereto sono “maestri d’arme” e dal ’77 praticano e divulgano l’arte del
maneggio di spade, bastoni, torce e quant’altro veniva usato nei combattimenti tra
cavalieri nel Medio Evo. Il gruppo del “Cassero” di Castiglion Fiorentino è uno dei più
conosciuti ed apprezzati a livello continentale: comprendere sbandieratori che eseguono
numeri a squadre ed individuali. Gli sbandieratori di Figline Valdarno, ospiti dal ’78 ad
oggi delle più belle piazze del mondo, rievocano alcuni aspetti della vita militare del
medio evo e del rinascimento muovendo alfieri, tamburi e trombe mentre i capitani
accompagnano lo stendardo. Infine i Musici d’Arezzo il cui tratto caratteristico è
proprio il suono delle chiarine che, con il rullo dei tamburi, riporta alla mente le
atmosfere delle giostre e dei tornei cavallereschi.


Anche domani, dalle 19.30, funzioneranno le cucine di taverna mentre alle 22.00 “I
Cavalieri di Suvereto” replicheranno il proprio spettacolo nella Piazza del Comune.

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521