italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Turismo
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » O.R. della Valdichiana

Il Sindaco di Montepulciano Piero Di Betto, che è anche Presidente della Conferenza
dei Sindaci della Sanità, interviene sulla questione dei “tagli” di posti letto agli
Ospedali Riuniti della Valdichiana preannunciati dalla Asl 7 e che hanno suscitato vivaci
reazioni.


“Sento il bisogno di esprimere la mia posizione personale dopo che tutte le parti
interessate hanno dichiarato le proprie opinioni e le proprie intenzioni e dopo la
preoccupazione espressa dai sindacati che hanno chiamato in causa la Conferenza dei
Sindaci della Sanità di cui sono Presidente per la Valdichiana”.


“Occorre partire da un dato oggettivo, quello che ci ha presentato l’azienda USL 7 e che,
nei reparti di Chirurgia, Ortopedia e Ginecologia, a fronte di una disponibilità
complessiva di 72 posti letto, fa registrare un tasso di occupazione di 52 posti letto”.


“Se ci limitiamo ad esaminare questi numeri nella loro cruda chiarezza – osserva Di
Betto – appare accoglibile l’orientamento ad accorpare, razionalizzare, in sintesi
a “tagliare”. Ma l’amministratore pubblico ha l’obbligo di chiedersi come si è arrivati a
questo punto e, nello specifico, ha il dovere di accertare perché il tasso di occupazione
dei posti disponibili è così basso”.


“Occorre allora compiere una serie di riflessioni preliminari. Le unità di cui si parla,
appunto chirurgia, ortopedia e ginecologia, si rivolgono tutte ad un’area vasta ed ognuna
in sé racchiude dei punti di forza. Per la ginecologia, per esempio, l’abbinamento con il
punto nascite o, per l’ortopedia, la presenza di specializzazioni d’eccellenza come la
cura delle patologie del ginocchio, dell’anca, della spalla. Eppure il tasso
d’occupazione rimane basso, magari con lunghe liste d’attesa, situazione di evidente
disagio per la cittadinanza e di apparente contraddizione”.


“Una soluzione va trovata e ritengo che il problema si debba affrontare in tre fasi; la
prima di rapida riflessione, la seconda di attenzione, la terza – più concreta – di
intervento.


Per intervento intendo un percorso complesso, un progetto di qualità che valorizzi le
strutture degli Ospedali Riuniti della Valdichiana e le faccia diventare poli
d’attrazione per la soluzione dei problemi di salute, partendo dall’accordo di programma
tra Enti Locali Senesi, Regione Toscana, Università, Azienda Ospedaliera, Azienda USL 7
di Siena e Fondazione MPS. Se non si intraprende con convinzione un percorso del genere
ho il timore – fondato – che si diffonda l’opinione che la classe politica e dirigente
voglia non potenziare e qualificare l’ospedale di Nottola !”.


“Comunque la questione è ancora sul tappeto: in base alle risultanze dell’incontro di
mercoledì 21 tra Azienda Sanitaria e Conferenza dei Sindaci, proseguirà il tavolo di
confronto anche con il coinvolgimento dei Sindacati. La discussione è aperta ed in corso
perché parlando di dimensioni delle strutture sanitarie si devono seguire percorsi
corretti.


“Proprio perché la questione non è chiusa – conclude Di Betto - è necessario che tutti i
soggetti coinvolti giochino un ruolo da protagonisti, nell’interesse dell’Ospedale e dei
cittadini che ne usufruiscono”.

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521