italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Turismo
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » News » Il pesce d'acqua dolce

Venerdi 17 e sabato 18 ottobre
in quattro
ristoranti della Provincia di Siena va in scena
il pesce d’acqua dolce. Per iniziativa dell’Arci Pesca Provinciale e dell’Ufficio Pesca
della Provincia è possibile degustare piatti di pesce d’acqua dolce ad un prezzo
convenzionato di 10 euro per un pasto completo (comprendente due portate di pesce +
bevande).


I piatti, presentati dagli chef dei ristoranti che partecipano all’iniziativa, sono
realizzati con specie ittiche d’acqua dolce e rappresentano un recupero o una
rivisitazione di vecchie ricette locali. Così a tavola possiamo riscoprire sapori a volte
scomparsi come i gnocchi alla tinca, il filetto di luccio al forno o i gamberoni di fiume
in guazzetto oppure assaporare nuove creazioni come i tagliolini ai gamberi di fiume con
fiori di zucchina, pomodorini e zafferano, le crochette di trota o il filetto di persico
reale in crosta di patate con vellutata di agrumi oltre alle tradizioni tuttora in uso
come il brustico del lago di Chiusi o la trota marinata dell’Amiata.


L’iniziativa si inseririsce in un progetto finanziato dalla Regione con fondi della pesca
(LR 24/84 art.. 25) che tende a promuovere la scoperta o riscoperta del pesce d’acqua
dolce non solo a fini della pesca ma anche gastronomici.
Può apparire sorprendente oggi pensare che la Provincia di Siena abbia una tradizione di
cucina del pesce d’acqua dolce non solo risalente al ‘200, ma che mantenga una presenza
costante e rinomata come avviene lungo le sponde del lago di Chiusi.


Per la maggior parte del territorio gli usi e le nuove attività commerciali hanno
progressivamente fatto scomparire la vendita del prodotto fresco locale, a favore di
quello di mare o di allevamento, di minor costo e di gusto più conformato.
Con questa iniziativa si vogliono far assaporare sapori antichi, probabilmente
inaspettati, derivanti da pesci e crostacei, serviti sempre freschi e per lo più non di
allevamento.


E quest’ultimo aspetto appare significativo in un panorama di produzione alimentare, in
particolare ittica che sempre più si presenta artefatto e standardizzato dall’allevamento
intensivo. In questo caso le proposte riguardano sempre pesce selvaggio originario del
territorio senese o di ambienti idrici limitrofi.


I locali che aderiscono all’iniziativa sono:

• il Ristorante Pesce D’Oro, Lago di Chiusi tel. 0578 21403;

• il Ristorante Fonte Magria, Abbadia San Salvatore tel. 0577 778539;

• il Ristorante ai Girasoli San Rocco a Pilli tel. 0577 348424;

• l’Osteria del Gatto, via S. Marco, Siena tel. 0577 287133.


Per tutti la prenotazione è di rigore!

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 valdichiana.itP.IVA00926760521