italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Turismo
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Hotel
- Strutture di prestigio
- Meubl
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service Il Girasole
- DG autonoleggio
- Caroti

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Benessere
- Stabilmenti termali

>> Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivit

>> Territorio
- La Valle
- Cenni storici
- La bonifica
- I centri maggiori
- La Razza Chianina
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti
- Unione Polisportiva
   Poliziana


>> Eventi
- Gli eventi del mese

Home » Territorio » La Bonifica


GLI INTERVENTI DI QUESTO SECOLO

La bonifica integrale sarà portata a compimento nel ventennio fascista. Un progetto di colmata dei due laghi residui di Chiusi e Montepulciano approvato nel 1918, non fu fortunatamente attuato. A pari distanza dai due laghi fu eretto un regolatore con cateratte. Resta non scongiurato il pericolo di una colmata naturale: si calcola che il lago di Montepulciano dal 1880 ad oggi abbia ridotto di quasi tre quarti la propria superficie.

Tra il 1908 e il 1910 fu allargato il tratto terminale del canale maestro, dal porto a Cesa e fino alla Chiusa dei Monaci. Nel 1928 si diede inizio ai lavori per la realizzazione di un novo corso del Foenna.

Nel 1931 e 1933 venivano deviati direttamente sul canale maestro quei rii castiglionesi, precedentemente utilizzati per "colmare" la piana di Castiglion Fiorentino, per mezzo di un nuovo allacciante che attraversa in galleria la Collina di Brolio.

Nel 1954 l'ingegner Cassi di Arezzo, sostenuto dall'Associazione agricoltori e dalla Camera di commercio di questa città, aveva redatto un "Progetto di irrigazione della Val di Chiana, degli agri aretino e perugino" che utilizzava le acque del Trasimeno ed interessava quindici comuni delle tre provincie di Arezzo, Siena e Perugia per una superficie di circa 43.000 ettari; si prevedeva tra l' altro, la deviazione nel Trasimeno del Moiano, del Maranzano, dell' Esse e del Mucchia.

Il 20 novembre del 1959 fu invece presentata alla Camera dai deputati aretini Bucciarelli Ducci e Fanfani una proposta di legge dal titolo "Istituzione dell' Ente per l' irrigazione della Val di Chiana e delle valli aretine", e si proponeva ancora una volta l' utilizzazione a scopo irriguo delle acque dl Trasimeno integrate da quelle derivanti dalla deviazione dei vari torrenti toscani nel lago.
Nel 1965 viene realizzato il progetto di deviazione dei torrenti Tresa, Moiano, Maranzano nel Trasimeno per alleviare i suoi ricorrenti periodi di magra.

Nel 1972 l'Ente Irrigazione di Arezzo termina uno sbarramento nell' alta valle del Foenna (sotto il castello del Calcione) allo scopo di costituire una riserva idrica per l'irrigazione.

Nella seduta del consiglio comunale di Chiusi del 15 Luglio 1996 è stata approvata l'istituzione di un'area naturale protetta per il lago di Chiusi.


ROMBY, Descrizione della Valdichiana dal XVI al XVIII secolo, bonifica della Valdichiana

COLLEGIO ING. TOSCANI, La bonifica dellaValdichiana - Giunti Barbera, Firenze 1981.

V. FOSSOMBRONI, Memorie idraulico-storiche sopra la Val di Chiana - Montepulciano 1835.

G. B. DEL CORTO, La Storia della Val di Chiana - Arezzo 1898.

A. MANETTI, Sulla sistemazione delle acque in Valdichiana.

A. MANETTI, Le Carte idrauliche sull' assetto antico e moderno della Valdichiana - Firenze 1823.

C. POSSENTI, Sulla sistemazione idraulica della Valdichiana - Firenze 1866.

C. CAPEI, La Valdichiana e il nuovo progetto di legge sulle bonifiche - Firenze 1898.

P. BELLUCCI, I Lorena in Toscana - Firenze 1984, Edizione Medicea.